総領事館が後援する文化行事(2024年)
Eventi culturali con il patrocinio del Consolato (Anno 2024)

令和5年12月22日
 
Campionati mondiali kendo
4 - 7 luglio 2024

CAMPIONATI MONDIALI DI KENDŌ
19ª edizione

I Campionati Mondiali di Kendo, maschili e femminili, individuali e a squadre, sono la massima competizione internazionale di kendō, che si svolge tra i paesi membri della International Kendo Federation (FIK). Per la seconda volta nella propria storia, l'Italia ospiterà l'evento, giunto alla 19 edizione, che vedrà la presenza di oltre 60 Paesi per un totale di circa 1500 partecipanti, tra atleti e staff accreditato, oltre all’intervento di autorità politiche/sportive italiane e giapponesi.
Gli atleti si sfideranno per il titolo mondiale seguendo la filosofia e i principi del kendo, la "via della spada", che è espressione dell’etica, della cultura e della storia del Giappone, oltre a possedere un'avvincente componente sportiva che non manca mai di coinvolgere il pubblico.
Mediolanum Forum
via G. di Vittorio 6
Assago (MI)



Per informazioni:
wkc2024.com/it/home-page-it

TOP ▲




 
arcobonsai
26 aprile - 28 aprile 2024

ARCOBONSAI
XXVIII Congresso U.B.I. & XXII Trofeo Arcobonsai

Arcobonsai Club Garda Trentino organizza per la 38ma edizione un evento incentrato sul mondo del Bonsai ospitando il 27°Congresso Nazionale UBI.. Si terranno mostre di Bonsai e Suiseki nella cornice di Arco Fiori, mostra mercato di fiori e prodotti locali derivanti dall’agricoltura.
Ospite d’onore Alessandro Bonardo un 24enne di Alba in Piemonte che ha imparato l’arte del bonsai con sei anni di scuola presso il giardino del Maestro Masahiko Kimura, figura di livello mondiale, a Ina-machi
Gli allievi delle scuole UBI si confronteranno in una gara per l’individuazione del miglior talento Italiano per il 2024. Le mostre saranno come sempre arricchite dalla presenza di meravigliosi bonsai, frutto delle premurose cure dei bonsaisti provenienti dalle altre regioni d'Italia. Avrà luogo, inoltre, il XXII Trofeo Arcobonsai con dimostrazione a concorso prima tra 18 Istruttori Bonsai e poi tra 18 Club Bonsai italiani iscritti all’UBI.
In effetti la partecipazione media di oltre 300 convegnisti, quella di oltre 70 commercianti, la visita alle mostre di circa 3000 persone ogni anno, il patrocinio della Provincia Autonoma di Trento e del Comune di Arco, unitamente a quella di esperti italiani e stranieri e di professori universitari, hanno conferito ad Arcobonsai un carattere internazionale, che gli ha consentito di poter ospitare per tre volte - unico Club Europeo - la Convention dell'European Bonsai Association nell'anno 2000, 2005 e 2018, oltre a 7 edizioni del Congresso Nazionale UBI.
Centro Congressi Casinò Municipale & Palatennis
Arco (Tn)


Per informazioni e prenotazioni:
Arcobonsai Club Garda Trentino
arcobonsai@gmail.com
arcobonsai-2024

TOP ▲




 
washiningyo
24 aprile - 12 maggio 2024

WASHI-NINGYŌ
Le bambole di carta nella tradizione giapponese

Le bambole di carta giapponese del maestro Maruyama tornano ad essere protagoniste in uno dei luoghi più suggestivi della città di Casale Monferrato. Il viaggio espositivo continua nella prestigiosa cornice di Palazzo Gozzani di Treville; la collezione sarà ospitata nel salone d’ingresso, grazie alla collaborazione con l’Accademia Filarmonica.
L' evento organizzato da Associazione Yamato, esporrà la collezione curata da Juliet in Zena con un percorso di oltre 30 opere (2D e 3D) create dalle sapienti mani del maestro Akio Maruyama e della madre Noriko Maruyama.
Il tutto parte del più completo WASHI-NINGYŌ PROJECT, nato per tutelare e far conoscere quest’arte oggi a rischio.
Tutte le opere della collezione in mostra sono corredate di QR-Code attraverso il quale è possibile accedere alle pagine di approfondimento.
Palazzo Gozzani di Treville
Via G. Mameli, 29
Casale Monferrato (AL)

Opening Mostra:
mercoledì 24 aprile: ore 18:30
All’inaugurazione sarà presente il maestro Maruyama che, in dialogo con Lisa Capettini, racconterà la sua esperienza nel mondo dell’artigianato tradizionale giapponese ed illustrerà il progetto che lo ha portato in Italia.

Orari Mostra: lunedì–domenica 10:00–15:30 e dalle 18:00 ale 21:00; chiuso mercoledì.



Per informazioni:
Associazione culturale giapponese Yamato
Tel. 3460430009
yamato.casale@gmail.com
juliet-in-zena

TOP ▲




 
Vibrazioni
24 aprile - 24 maggio 2024

VIBRAZIONI DELLA MATERIA
Ōki Izumi | Tetsuro Shimizu

La mostra intende esplorare la pratica materica e superficiale di due artisti dal Giappone, pressochè coetanei ma con due esiti di ricerca di grande divergenza : Tetsuro Shimizu ( Tokyo, 1958 ) e Ōki Izumi ( Tokyo, 1956 ).
Se Ōki Izumi raggiunge l'Italia per lo studio dello Spazialismo, per poi scoprire la dialettica del vetro in lastra, sua materia identificativa, quella di Tetsuro Shimizu è invece un'inesausta riflessione sulla pittura come processo, e quindi liberata di alcuni canoni di metodo e di supporto a favore di una sua interpretazione spaziale. Modelli di paesaggi urbani, anzi veri e propri prospetti parametrici in lastre di vetro verranno posti in dialogo con piattaforme pittoriche non ortogonali, e anzi generate dalla massima libertà di sagoma, e quindi di interazione con il vuoto.
Questa è l’ultima mostra proposta da Lattuada Gallery, storica galleria milanese inaugurata da Fiorella La Lumia nel 1963.
Al giorno d’oggi, la galleria ha sede a Milano e New York e prosegue l’attività di ricerca storica con particolare attenzione al Futurismo, senza mai dimenticare esperienze artistiche contemporanee, sotto la guida di Flavio e Leonardo Lattuada.
Lattuada Gallery
Via Senato, 15
Milano

Opening Mostra:
martedì 23 aprile: 19:00
All’inaugurazione della mostra verrà presentato un catalogo edito da Lattuada Gallery.

Orari Mostra: lunedì–venerdì 10:00–13:00 15:00–19:00, sabato su appuntamento.



Per informazioni:
LATTUADA GALLERY
tel. 02 29000071
info@lattuadagallery.com
lattuadagallery.com/it

TOP ▲




 
tradurremanga
19 aprile - 10 giugno 2024

TRADURRE IL MANGA
Corso online di traduzione letteraria dal giapponese

Il Corso online di traduzione letteraria (Livello intermedio) dal giapponese con Prisco Oliva e Michele Foschini (direttore editoriale di BAO Publishing), si presenta come un ciclo di sei lezioni di traduzione dal giapponese della durata di due ore ciascuna, per un totale di 12 ore.
Il corso è volto a individuare le caratteristiche del manga, con un’attenzione particolare al lettore modello per impostare un’adeguata strategia di traduzione. Il livello di giapponese richiesto è N3 del JLPT (non serve il certificato, basta un'autovalutazione).
Corso Online
(piattaforma Zoom)

Orari lezioni:
18:00 - 20:00

La sesta lezione vedrà in cattedra insieme a Prisco Oliva anche Michele Foschini



Per informazioni anche sul costo del corso ed iscrizioni:
PAROLE MIGRANTI Snc
info@parolemigranti.it
corsi@parolemigranti.it
tradurre-il-manga

TOP ▲




Amicizia italo-giapponese 1
Amicizia italo-giapponese 2
14 e 15 aprile 2024

Concerti de
L'AMICIZIA ITALO-GIAPPONESE

I Concerti de "l'Amicizia Italo-Giapponese 2024”, vedono come protagonisti la maestra Sato Rie, musicista di marimba e, al pianoforte Yoshikawa Takahiro, oltre a diversi altri talentuosi musicisti.
I concerti sono promossi e organizzai dal Comitato del Concorso Internazionale di KOBE (di cui Sato Rie è presidente), istituito nel ’96, un anno dopo il disastro del terremoto di Kobe allo scopo di sostenere la ricostruzione delle zone colpite dal disastro del terremoto di Hanshin/Awaji. Il comitato si fa promotore di una nuova cultura che proviene da quelle zone terremotate. Il ruolo esercitato dalla musica in quei luoghi di dolore e di riscostruzione è molto importante; per questa ragione il Comitato Organizzativo intende diffondere nel mondo la musica di quelle aree per promuoverla e nel contempo trasmettere un messaggio di pace.


14 aprile, ore 15.30
Casa Verdi, Piazza Buonarroti 29
Milano
ingresso a partire dalle ore 15.00
ingresso libero con prenotazione obbligatoria e obbligo di indossare la mascherina


15 aprile, ore 18.30
Palazzo Bianco Speroni
Nuvolera (Brescia)
ingresso a partire dalle ore 18.00
evento su inviti



Per informazioni:
Oasi giapponese
Tel: 351 5410343
oasimilano@yahoo.co.jp
musicsatoh.com

TOP ▲




Mostra Bonsai 1
Mostra Bonsai 2
6 - 7 aprile 2024

36ma MOSTRA BONSAI CITTA' DI SACILE
L’ Associazione Gruppo Bonsai Giardino della Serenissima festeggia il 36° anno dalla fondazione e organizza il 33° Trofeo Bonsai - Città di Sacile e il 36° Concorso Club Bonsai.
Oltre a un’esposizione di esemplari di collezionisti di bonsai, che avrà luogo il 6 aprile nella cornice di un’ambientazione caratteristica giapponese, il giorno seguente, 7 aprile, con apertura alle ore 9,00, si svolgeranno tutte le attività didattiche previste per l'intera giornata, con conferenze e laboratori esterni (quest'ultimi tempo permettendo), e a seguire la visita dei locali della mostra con le votazioni da parte del pubblico, che potrà assistere al procedimento, attraverso i vari passaggi previsti, di una pianta da trasformare e l’elaborazione in disegno della futura trasformazione, perché l’arte bonsai è un intervento che richiede molto tempo e cura.
Successivamente gli esemplari passerranno al giudizio di una giuria formata da un rappresentante per ogni club presente, oltre alla dirigenza del gruppo organizzatore, al fine di identificare il bonsai meritevole dell'assegnazione del 33° Trofeo Città di Sacile.


Locali Ex- pretura di San Gregorio
Via Giuseppe Garibaldi

Sacile (PN)



Sabato 06 aprile 2024
Dalle 17:30 alle 20:00
Inaugurazione e apertura mostra bonsai


Domenica 07 aprile 2024
Dalle 9:00 alle 20:00
Apertura mostra bonsai e dimostrazione tecniche


Per informazioni:
retavian@libero.it
facebook.com/giardinodellaserenissima.gruppobonsai.sacile/

TOP ▲




Washi ningyō 1
Washi ningyō 2
5 - 27 aprile 2024

WASHI-NINGYŌ, le bambole di carta giapponese del maestro Maruyama
Mostre e workshop

Le bambole di carta giapponese di Akio Maruyama sono in mostra per la prima volta in Italia, dopo essere state esposte in Giappone, Spagna, Polonia, Messico e Francia. Capolavori artigianali realizzati con scopo decorativo fin dal periodo Edo (1603-1868) e ritratto del seducente passato di un paese che non smette mai di attrarre e incuriosire, le washi-ningyō portano in scena momenti di quotidianità affiancati ad attività tradizionali.
Sinuose bambole (人形 ningyō), ispirate a personaggi storici o del teatro giapponese, impreziosite da kimono che sembrano fluttuare, prendono vita attraverso le morbide pieghe della carta giapponese (和紙 washi) che le compone interamente.

Dopo Alessandria, la seconda mostra prevista per l'occasione (che sarà seguita a breve da una terza mostra) si svolgerà al Castello di Casale Monferrato.
L'evento organizzato da Associazione Yamato, esporrà la collezione curata da Juliet in Zena con un percorso di oltre 30 opere (2D e 3D) create dalle sapienti mani del maestro Akio Maruyama e della madre Noriko Maruyama. Il tutto parte del più completo WASHI-NINGYŌ PROJECT nato per tutelare e far conoscere quest’arte oggi a rischio. Tutte le opere della collezione in mostra sono corredate di QR-Code attraverso il quale è possibile accedere alle pagine di approfondimento.
A partire dal 5 aprile sarà inoltre possibile partecipare a workshop per imparare a realizzare le bambole di carta giapponese.


Castello di Casale Monferrato
Piazza Castello

All'inaugurazione, che avrà luogo il giorno 5 aprile, sarà presente il maestro Maruyama.

I corsi di aprile 2024 si svolgeranno con 8 date e 5 diversi design in 6 città: Casale Monferrato, Alessandria, Milano, Ome, Brescia e Genova.



Per informazioni:
Associazione Yamato
yamato.casale@gmail.com
julietinzena.it/washi-ningyou/esposizioni/

TOP ▲




Ukiyoe: Immersive Art
4 aprile - 16 giugno 2024

UKIYOE: IMMERSIVE ART
I mondi fluttuanti del Giappone

Dopo il grande successo in Giappone, Ukiyoe: Immersive Art arriva a Milano.
Basata su opere di rinomati artisti dell'ukiyo-e come Katsushika Hokusai e Utagawa Hiroshige, offre un'esperienza immersiva e sensoriale capace di trasportare i visitatori direttamente nei mondi fluttuanti del Giappone, attraverso uno spazio visivo tridimensionale costruito attraverso animazioni in 3DCG e mapping di proiezione di altissima qualità. Le 9 stanze tematiche sono arricchite da installazioni che richiamano simboli del Giappone, come il Monte Fuji e il torii, tradizionale portale rosso shintoista, e permetteranno di vivere i capolavori dell'ukiyo-e come mai prima.
Il progetto, a cura del Comitato esecutivo di Ukiyoe: immersive Art, è prodotto da Hitohata e TV Aichi, e realizzato in collaborazione con Tenoha Milano, con il patrocinio del Consolato. Sponsor dell'evento è Suzuki.
Tenoha
Via Vigevano, 18
Milano

Lunedì - Venerdì: 11:00 - 20:30
Sabato - Domenica: 10:30 - 20:30
Ultimo ingresso e chiusura biglietteria: 20:00. La durata media della visita è di circa 60 minuti. Sono disponibili "Early Bird Tickets".



Per informazioni:
Tel +39 373 802 8165
La biglietteria risponde dal lunedì al venerdì con orario 10:00-13:00 e 15:00-19:00
press@tenoha.it
ukiyoe@tenoha.it
ukiyoe.tenoha.it

TOP ▲


Kaki Tree Project

Kaki Tree Project
23 marzo 2024

CASCIAGO CELEBRA IL 25° ANNIVERSARIO DEL KAKI TREE PROJECT
Il 9 agosto 1945 un albero di cachi si salvò dall’esplosione della bomba atomica a Nagasaki. Questo piccolo atto di sopravvivenza in mezzo all'orrore ha ispirato il Kaki Tree Project - Revive Time, un progetto artistico internazionale nato dall'incontro tra il fitopatologo Masayuki Ebinuma e l'artista Tatsuo Miyajima. Il progetto affida ai bambini di tutto il mondo le pianticelle di seconda generazione nate da quella pianta madre, un simbolo di resilienza, pace e memoria, e chiede loro di allevarle, e di produrre espressioni artistiche che abbiano come tema l'albero di cachi. 25 anni fa, nel 1999, una delle scuole primarie di Casciago, la Manzoni della frazione di Morosolo, aderì al “Kaki Tree Project" presentando il proprio progetto alla 49a Biennale di Venezia, e poi nel Marzo del 2000 piantumando la piccola talea di kaki che le era stata affidata nel giardino antistante la Chiesa di S. Giovanni a Casciago. Il 23 marzo di quest’anno verrà celebrato il 25° anniversario del progetto coinvolgendo come allora gli alunni delle scuole, la cittadinanza e una rappresentanza giapponese tra cui i fondatori del Kaki Tree Project: l’artista Tatsuo Miyajima e il fitopatologo Masayuki Ebinuma.
L’evento si svolgerà a Casciago, in varie sedi adiacenti al Municipio: in Largo de Gasperi, e presso l’ex chiesa di S. Giovanni in via S. Agostino, risalente al XII secolo, nel cui giardino cresce dal 2000 l' albero di kaki. Sono invitate tutte le scuole del territorio e la cittadinanza. I bambini potranno partecipare a una serie di workshop animati da artisti noti sul territorio e a livello nazionale, e gli alunni delle scuole primarie di Casciago e di Morosolo realizzeranno una loro performance.


Casciago (VA), in diverse sedi:
Largo de Gasperi e presso l’ex chiesa di S. Giovanni in via S. Agostino



Per informazioni:
Isabella Failla
Comune di Casciago, Ufficio cultura
isabella.failla@comune.casciago.va.it
comune.varese.it/c012133/hh/index.php

TOP ▲




Alla scoperta del teatro giapponese 1


Alla scoperta del teatro giapponese 2
15 -16 marzo 2024

ALLA SCOPERTA DEL TEATRO GIAPPONESE
Lezione/performance del maestro Haruhisa Kawamura (Kawamura Noh Theater, Kyoto)

Una dimostrazione pratica e teorica dell’antica arte del Noh, il tradizionale teatro giapponese, viene offerta da uno dei suoi più grandi interpreti viventi, il Maestro Haruhisa KAWAMURA (Kawamura Noh Theater, Kyoto). Il maestro Kawamura ha grande esperienza di lezioni introduttive all’arte del Noh: ne ha tenute in molte città del mondo, in inglese, allo scopo di avvicinare il pubblico più vario allo stile, alla recitazione e alla danza di questa straordinaria e antica forma del teatro tradizionale giapponese.
Nato nel 1956, Haruhisa Kawamura è un interprete di noh della scuola Kanze, attivo principalmente sul palco del Kyoto Kawamura Noh. Ha debuttato sul palcoscenico all'età di tre anni, mentre veniva istruito dal padre, il performer noh Haruo Kawamura. È visiting professor all'Università Doshisha, dove ha frequentato la scuola di specializzazione. Nel 2005 è stato negli Stati Uniti e in Canada come inviato dell'Agenzia per gli Affari Culturali del Giappone, e nel 2020 ha ricevuto il Kyoto Prefectural Cultural Award Distinguished Service Award. È membro del Japan Nohgakukai.
L'evento è organizzato da Stn Studio Novecento, a cura di Stefano Aloe (Università di Verona) e Shin'ichi Murata (Sophia University - Tokyo).


Verona e Milano

Venerdì 15 marzo
Aula Magna Università degli Studi di Verona (Viale dell'Università, 4)
Inizio Performance: ore 16:30

Sabato 16 marzo
Fabbrica del Vapore (Via Procaccini, 4 - Milano)
Inizio Performance: ore 17:00


Ingresso gratuito su prenotazione.



Per informazioni:
organizzazione@studionovecento.com
studionovecento.com
univerona

TOP ▲




Zashiki-mai
9 -10 marzo 2024

Tour Italiano 2024 ZASHIKI - MAI
Diretto da Kirizaki Tsurujo

“Zashiki-mai'' è un termine che racchiude in sé ”Jiuta-mai'' e “Kamigata-mai''; le danze venivano eseguite solo nelle aree dei Keihan di Kyoto ed Osaka all’interno delle Zashiki (stanze di tatami), in un’epoca compresa tra il periodo Edo e quello Meiji.
La Kirizaki Japanese Classical Dance Academy & Associates si propone di introdurre il pubblico nelle profondità della cultura giapponese, un mondo affascinante e ancora in parte inesplorato, fatto di emozioni che si esprimono compiutamente attraverso i movimenti dello stile Zashiki Mai, una danza misteriosa ai più nello stesso Giappone.
L’artista Tamasaburo Bando, con grande cura, esegue lo stile Jiuta-mai con costumi e coreografie da lui stesso progettate.
Si ricorda che Junichiro Tanizaki fu uno scrittore rappresentativo della scuola estetica; non si limitò ad inserire questa Arte nei suoi scritti ma, egli stesso, assieme alla sua famiglia, studiò lo Jiuta e lo Jiuta-Mai. Sono previsti dei seminari aperti al pubblico che si propongono di far conoscere il metodo, mutuato dalla tradizione giapponese, per riuscire a muovere il corpo in modo e far scaturire le tecniche Mai.
Questa Danza fu tramandata segretamente negli Zashiki (stanze di tatami), senza mai giungere sui palcoscenici. L'evento è organizzato con il supporto di Arts Council Tokyo (Tokyo Metropolitan Foundation for History and Culture).
Sabato 9 Marzo 2024, ore 18:00
Palazzetto dello Sport G. Mariotti
Via Carlo Alberto Federici
La Spezia

Domenica 10 Marzo 2024, ore 20:30
Auditorium Civica Scuola di Musica, Danza e Teatro della Provincia di Sondrio
Sondrio

Programma:
Jiuta-mai「Nagoya-obi」(accompagnamento musicale registrato)
Kamigata-mai「Matsuzukushi」(accompagnamento musicale con Shamisen)
Seminario focalizzato su come allenare la postura e per poi danzare sulle note di
Sakura Sakura
Jiuta-mai「Tamatori」(accompagnamento musicale registrato)
Seminario di danza juta-mai con danza finale sulle note di
Sakura Sakura


Per informazioni:
kirizaki.tour.italiano@gmail.com
kirizaki.jp/italian/Prenotazioni.html

TOP ▲




 
Shinhanga
8 marzo - 30 giugno 2024

SHINHANGA.
La Nuova Onda delle Stampe Giapponesi

La mostra, organizzata da Vertigo Syndrome e curata da Paola Scrolavezza (con la consulenza artistica di Marco Fagioli), rappresenta una straordinaria opportunità di immergersi nella bellezza e nella malinconia di un movimento artistico che all'inizio del XX secolo ha rivoluzionato la tradizionale stampa giapponese ukiyoe, fondendo elementi classici con la sensibilità modernista.
L’esposizione vanta oltre 80 opere originali di alcuni dei più celebri maestri shinhanga, tra cui Itō Shinsui, Kawase Hasui e Hashiguchi Goyō, che ritraendo paesaggi dai colori vibranti e splendide figure femminili, hanno saputo catturare l'essenza del paesaggio e dei fermenti del Giappone di quegli anni con quel tocco di nostalgia che accompagna la scomparsa di un mondo minacciato dal progresso.
Attraverso l'esposizione di opere magistrali mai viste in Italia, provenienti da collezioni private e dalla Japanese Gallery Kensington di Londra, ma anche preziosi kimono, fotografie storiche e oggetti d’arredo, la mostra celebra la continuità e l'evoluzione della tradizione artistica giapponese, mostrando come il movimento shinhanga abbia saputo preservare le tecniche secolari dell'incisione su legno pur introducendo prospettive innovative e influenze d’oltreoceano.
L'evento vanta il patrocinio, oltre che del Consolato, del Comune di Torino.
Palazzo Barolo
Via delle Orfane 7/A
Torino

Orari
martedì – mercoledì – giovedì – venerdì: 10:00 – 19:00
sabato – domenica: 10:00 – 20:00


Per l’intera giornata dell’8 marzo, le donne entreranno gratuitamente!


Per informazioni e prevendita:
info@vertigosyndrome.it
shinhanga.it

TOP ▲




donne e arte in Giappone
7, 12 e 14 marzo 2024

DONNE E ARTE IN GIAPPONE
Giornata internazionale della donna 2024

In occasione della Giornata internazionale della Donna dell’8 marzo, il ciclo di incontri Donne e arte in Giappone si ripropone di presentare al pubblico quattro figure femminili di fondamentale importanza nella storia culturale del Giappone, allo scopo di diffondere la conoscenza sulla storia del femminile in contesti diversi da quello euro-americano, poco conosciuta in Italia, e scardinare alcuni stereotipi che riguardano il femminile in Giappone, spesso afflitto da visioni esotiche e orientalistiche o distorto nella figura della geisha.
Al fine di favorire una disseminazione interattiva e partecipata delle conoscenze, i tre eventi sono organizzati in forma di conversazioni tra studiose e studiosi e si concentreranno su quattro figure centrali delle arti giapponesi nel Novecento:
“Kusama Yayoi” (n. 1929), artista visuale giapponese, su cui è al momento aperta una personale intitolata “Infinito presente” presso il Palazzo della Ragione, che ha fatto dell’arte una terapia contro la propria malattia mentale;
“Scrittrici di/al confine”, incontro dedicato alla presentazione di due scrittrici giapponesi, Hayashi Fumiko (1903-1951) e Tawada Yōko (n. 1960) che in tempi e momenti diversi hanno riscritto e stanno riscrivendo i paradigmi del femminile in Giappone, attraverso l’incontro con l’altro e il superamento dei confini anche geografici della cultura nipponica;
“Sadayakko: la Duse del Giappone”, incontro dedicato alla figura di Sadayakko (1871-1946), attrice e performer di primo Novecento, impegnata in una spettacolare tournée mondiale e i cui spettacoli infiammarono la passione orientalista e le tendenze japoniste di diversi salotti culturali europei e americani.
Bergamo

Monastero del Carmine, Teatro Tascabile di Bergamo – Sala del Capitolo
Via Bartolomeo Colleoni, 21
Mercoledì 7 marzo. Ore 17:30: "Sada Yakko: la Duse del Giappone"
https://dllcs.unibg.it/it/eventi/donne-e-arte-giappone-sadayakko-duse-giappone

Libreria Incrocio Quarenghi, Via Giacomo Quarenghi, 32
Lunedì 12 marzo. Ore 17:30: " Scrittrici di/al confine – Hayashi Fumiko e Tawada Yōko"
https://dllcs.unibg.it/it/eventi/donne-e-arte-giappone-scrittrici-dial-confine-hayashi-fumiko-e-tawada-yoko

Libreria Incrocio Quarenghi, Via Giacomo Quarenghi, 32
Mercoledì 14 marzo. Ore 17.30: "L’identità infinita di Kusama Yayoi"
https://dllcs.unibg.it/it/eventi/donne-e-arte-giappone-lidentita-infinita-kusama-yayoi



Per informazioni:
cristian.pallone@unibg.it
La prenotazione non è necessaria. Ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

TOP ▲





3 marzo 2024


ARNA TI: L'ALFA CON GLI OCCHI A MANDORLA
Un viaggio verso un mondo lontano

Arna Ti: l'Alfa con gli occhi a mandorla
Sapevate che il nome Arna è un acronimo e deriva dalla collaborazione tra Alfa Romeo e Nissan? Vi racconteranno meglio la sua storia Davide Da Fidel insieme a Mario Fontana, Elisabetta Cozzi, Yuko Noguchi, Matteo Licata, Axel Marx, Alessia Regazzoni, Giacomo Tansini, Luca Tombolini, William Jonathan... e tanti altri amici!
Fu un accordo industriale quello avvenuto degli anni ’80 tra Italia e Giappone (Alfa Romeo e Nissan) , ma non solo. Al Museo Fratelli Cozzi i racconti toccheranno gli ambiti non solo dell’economia ma anche della cultura, della società e del costume, davvero innovativo negli anni ’80.
E in Giappone cosa dicono? Yuko Noguchi e Mario Fontana raccontano la storia di Oka Shigemitsu, Presidente della divisione vendita del mercato europeo, testimone e protagonista di quel primo dialogo e incontro tra culture nel mondo delle automobili. Il Museo Fratelli Cozzi, aperto a fine 2015, nasce dalla passione di Pietro Cozzi per il marchio Alfa Romeo, passione che lo porta a collezionare a partire dal 1955, anno di fondazione dell'omonima concessionaria, un esemplare per ogni modello prodotto dal Biscione, scelto tra l'allestimento più performante o interessante ai fini del collezionismo.
Oggi il Museo raccoglie oltre 60 auto, comprendendo nella collezione 2 auto uniche al mondo ed alcuni modelli rarissimi. Oltre alle auto, nell’archivio Cozzi.LAB sono conservati più di 300 poster originali, migliaia di fotografie, depliant, libretti d'uso, cataloghi auto e ricambi, manuali di riparazione, trofei, oggetti d'arte insieme alle maggiori riviste e libri di settore, e tutti i documenti che testimoniano il percorso commerciale, le tecniche di vendita e marketing della concessionaria.
Il Museo, disegnato dallo studio di architettura Buratti, è stato pubblicato per il suo particolare concept su molte riviste di architettura e design. Il Museo è membro di MuseoCity, della rete di MuseImpresa e del Circuito Lombardo dei Musei del Design.
Museo Fratelli Cozzi
Viale Pietro Toselli, 46
Legnano (MI)

Inizio evento: ore 15.00



Per informazioni:
info@museofratellicozzi.com
museofratellicozzi.com/news/arna-x-museocity-un-viaggio-verso-un-mondo-lontano

TOP ▲




The world of Shogun
1 e 2 marzo 2024

THE WORLD OF SHŌGUN
MILANO INCONTRA IL GIAPPONE
IN OCCASIONE DEL DEBUTTO DELLA SERIE ORIGINALE DI FX SU DISNEY+

Per celebrare il debutto in esclusiva su Disney+ di Shōgun, l’attesissima serie evento globale di FX disponibile con i primi 2 episodi dal 27 febbraio, arriva nel cuore di Milano presso lo spazio espositivo della Casa degli Artisti The World of Shōgun, un’esperienza multisensoriale dedicata al mondo degli Shōgun, per celebrare la cultura e i protagonisti di un’epoca ricca di fascino e tradizioni iconiche.
In The World of Shōgun il pubblico potrà immergersi nelle atmosfere di un Villaggio del Giappone medievale scoprendone la storia e le arti con scenografie tridimensionali, contenuti video e performing arts dal vivo, con opere d’arte originali che spaziano dalla fine del 1600 al periodo Meiji.
Gli spettatori conosceranno i valori dei Samurai (Bushido), le arti legate alla scrittura (Shodo), alla musica, le cerimonie del tè nelle case del piacere (Okiya), le manifestazioni del potere politico e dell’onore militare nelle diverse forme dagli abiti, al cibo, all’architettura. Un percorso interattivo realizzato con la supervisione di Paolo Linetti, direttore del Museo d'Arte Orientale - Collezione Mazzocchi, che farà scoprire la storia e le curiosità di questo periodo, arricchito dall’esposizione di oggetti, costumi originali e opere difficilmente esposte e provenienti dalla collezione Mnemosyne, gallerie d’arte, collezioni private ed Enti istituzionali.


Casa degli Artisti
Via Tommaso da Cazzaniga, Corso Garibaldi, 89/A
Milano

The World of Shōgun sarà aperta al pubblico gratuitamente, con ingresso su prenotazione, dalle 10:00 alle 20:00, fino a esaurimento posti. Per prenotarsi alla mostra e rimanere aggiornati, cliccate sul link sotto:
https://www.eventbrite.it/e/biglietti-the-world-of-shogun-815167296327

TOP ▲




engeki quest 1
engeki quest 2
8 febbraio - 7 maggio 2024

ENGEKI QUEST
Agenti della Nebbia a Milano

In occasione di "FOG 2024, il festival di performing arts di Triennale Milano", la sorprendente creatività degli orangcosong sviluppa il progetto Engeki Quest in Milan, raccogliendo in un libro interattivo i lati nascosti e i misteri della città. Il pubblico viene invitato a ritirare il proprio “libro delle avventure” in Triennale, e, leggendo delle semplici istruzioni, si perderà come un moderno flâneur alla scoperta di viali nebbiosi, vecchie linee del tram e quartieri nascosti. orangcosong è un collettivo fondato nel 2019 da Chikara Fujiwara e Minori Sumiyoshiyama, con sede a Yokohama (Giappone). Le loro attività si basano sull'esperienza delle arti performative, trascendendo una distinzione tra generi, spesso allontanandosi dal palcoscenico. Con la direzione artistica, scrittura, editing di Minori Sumiyoshiyama e Chikara Fujiwara; la produzione di Stéphane Noël e la commissione di Triennale Milano Teatro

orangcosong è un collettivo fondato nel 2019 da Chikara Fujiwara e Minori Sumiyoshiyama, con sede a Yokohama (Giappone). Le loro attività si basano sull'esperienza delle arti performative, trascendendo una distinzione tra generi, spesso allontanandosi dal palcoscenico.


Triennale Milano
Viale Alemagna 6
Milano

Libro in italiano, inglese e giapponese, acquistabile esclusivamente presso la biglietteria di Triennale dall'8 febbraio al 7 maggio (da martedì a domenica, dalle ore 11.00 alle 19.00)



Per informazioni e per acquistare il libro:
Tel. +39 02 72434414
info@triennale.org
triennale.org/eventi/enkegi-quest-orangcosong

TOP ▲




Corsi di lingua e cultura del Giappone

Concerto
8 febbraio - 14 marzo 2024

CORSI DI LINGUA E CULTURA DEL GIAPPONE
Apriamo il nostro cuore verso la bellezza e armonia del Giappone

L'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano promuove per il 10° anno consecutivo i corsi di lingua, livello principiante e intermedio, e cultura giapponese della professoressa Saitō Wakako con il proposito di indirizzare il cuore dei partecipanti verso la bellezza e l’armonia del Giappone.
Si apprenderanno le espressioni linguistiche da utilizzare nelle situazioni comunicative della vita quotidiana giapponese, per esempio nell'ambito di una conversazione all’Università. Attraverso un approccio comunicativo, il corso di lingua e cultura giapponese permette di acquisire le competenze linguistiche essenziali per interagire in modo semplice ed efficace, scoprendo contemporaneamente le tradizioni di questa cultura millenaria, come la calligrafia, la cerimonia del tè e la tradizione del Kimono.
Il 14 marzo, a conclusione del corso, si terrà il concerto del soprano Shiori Morita, a ingresso gratuito e aperto a tutti.


Le lezioni si tengono in via Morozzo della Rocca, 2/A - Milano

Lingua e cultura giapponese livello base 1 (introduzione) - 08/02/2024 - 11/03/2024
Lingua e cultura giapponese livello base 2 (consolidamento) - 09/02/2024 - 12/03/2024
Lingua e cultura giapponese livello intermedio - 09/02/2024 - 13/03/2024



Per informazioni:
selda-mi@unicatt.it
inbreve.unicatt.it/alf-lingua-e-cultura-giapponese

TOP ▲




Spettacolo di No e Kyogen
5 febbraio 2024

SPETTACOLO DI NŌ E KYŌGEN
Scuola HŌSHŌ

L’ Associazione Hōshōkai è lieta di presentarvi uno SPETTACOLO DI NŌ E KYŌGEN: un'immersione nella suggestiva atmosfera del nō e del kyōgen, antiche forme di teatro giapponese, per esplorare le luci e le ombre dell'animo umano.
Nel kyōgen Fuku no Kami (Il Dio della Fortuna), ritroviamo l'aspirazione alla felicità dell'uomo, immutata nei secoli. Ma cosa rappresenta la felicità secondo il Dio della Fortuna…?
Aya no Tsuzumi (Il tamburo di saia) è uno dei drammi più raffinati del repertorio del teatro nō; pochi sono gli attori in grado di interpretarlo. È la storia di un umile anziano che si innamora di una consorte dell’Imperatore. Cercare di esprimere la purezza dell'amore del protagonista, deriso dalla nobiltà, e il suo rancore dopo essersi tolta la vita per la disperazione è un vero banco di prova per ogni attore. Il fascino intrinseco alla qualità letteraria del dramma ha ispirato diverse riletture, quali l'interpretazione moderna di Yukio Mishima e la trasposizione operistica di Yoshirō Irino. L'evento è organizzato dall’Associazione Hōshōkai con il sostegno di Tokyo Arts Council e in collaborazione con Change Performing Arts.
Teatro Elfo Puccini
C.so Buenos Aires 33
Milano

Ore 20.30 Inizio spettacolo

Programma evento:
Kyōgen: Fuku-no Kami / Il Dio della Fortuna (25min)
Nō: Aya no Tsuzumi / Il tamburo di saia (70min)



Per informazioni:
Biglietteria Teatro Elfo Puccini:
tel. 02.0066.0606 - whatsapp 333.20.49021
biglietteria@elfo.org
Noekyogen

TOP ▲




Manga per scoprire il Giappone
3 febbraio - 12 dicembre 2024

MANGA PER SCOPRIRE IL GIAPPONE
マンガで知る日本

Il progetto consiste in un ciclo di conferenze, con cadenza mensile, che si propongono di inaugurare un 2024 in stile manga, e di sensibilizzare il pubblico giovane e chi ha un cuore giovane riguardo la letteratura del fumetto giapponese, facendo loro comprendere più approfonditamente la divisione dei generi per una fruizione consapevole e un progressivo avvicinamento alla cultura del Sol Levante, con l’ausilio anche di materiale visivo, che attinge a scenari, costumi e abitudini rappresentati nei manga.
Prima di ogni conferenza verrà proposto un focus sulle origini del manga ed i suoi principali generi, in modo da guidare gli ascoltatori tra temi e titoli citati.
Questa volta l’incontro è dedicato al grande fumettista Akira Toriyama. La notizia della sua morte prematura ci ha suscitato un immenso senso di smarrimento. Toriyama è considerato uno dei mangaka che ha influenzato maggiormente la storia del fumetto e dell’animazione giapponese: molti autori delle generazioni successive hanno detto di essersi ispirati a Dragon Ball nelle proprie opere.
Le sue storie, dallo stile e character design inconfondibili, lo hanno reso uno degli autori più amati al mondo. Ripercorriamo insieme la sua carriera, ricordando i suoi capolavori e i suoi disegni geniali. Dopo la conferenza ci sarà la presentazione del progetto Shogi (gli Scacchi giapponesi) - a cura del socio DEAI Gherardo Rapallo.
Libreria Feltrinelli
in Via Ceccardi, 18/24r
Genova

Sabato 13 aprile - Ore 16.30 Inizio conferenza



Per informazioni:
associazionedeai@gmail.com
https://www.facebook.com/deaiassociazione/?locale=it_IT
feltrinelli-manga

TOP ▲




Imago Italie
3 - 18 febbraio 2024

IMAGO ITALIAE
la geografia visiva - Le carte regionali pittoriche della famiglia De Agostini

La cartografia è una delle discipline più antiche e importanti dell'umanità. - Dichiara Giovanni De Agostini - Attraverso mappe e carte geografiche, l'uomo è stato in grado di esplorare e comprendere il mondo che lo circonda. La famiglia De Agostini, è da sempre una una delle principali protagoniste nella produzione di carte, mappe e atlanti contribuendo significativamente alla cartografia italiana nel corso degli ultimi 130 anni.
Questa mostra esplorerà la storia dell'Imago Italiae,cartografie dei De Agostini, mettendo in rilievo le loro innovazioni e l'impatto sulla società. Saranno presenti in Villa Tittoni 45 pannelli unici di carte geopittoriche ai quali si aggiungeranno 5 pannelli di proprietà della famiglia e 5 carte storiche risalenti al 500.
L' allestimento racconta le fasi di attività di una stirpe di cartografi che ha dato un contributo fondamentale, non solo alla conoscenza della morfologia del territorio italiano e alla sua evoluzione, ma anche alla divulgazione e alla didattica della geografia fisica e politica mondiale.
L' Amministrazione Comunale di Desio rivolge dunque l’invito a partecipare alle scuole locali e non, di ogni ordine e grado. "Questa è davvero un’opportunità da non perdere. Si tratta di avere a disposizione la storia ed i protagonisti della cartografia Italiana e mondiale. Le cartografie dei De Agostini sono state uno strumento educativo fondamentale nelle scuole italiane, aiutando gli studenti a comprendere la geografia del proprio paese. Ragazzi ed insegnanti avranno la possibilità di usufruire di visite guidate infrasettimanali per osservare da vicino, in un unico luogo, uno spaccato della cartografia italiana e mondiale dal 1574 ai giorni nostri.”
Villa Tittoni
Via Lampugnani, 62

Desio (MB)

Inaugurazione mostra: sabato 3 febbraio alle ore 18.00 nelle sale espositive di Villa Tittoni.
- L’inaugurazione verrà preceduta alle ore 17.00 dalla conferenza tenuta da Giovanni De Agostini dal titolo:
“I De Agostini e la Cartografia” – presso lo Spazio Stendhal.
- Sabato 17 febbraio alle ore 17,00 verrà proiettato il film:
“Fin del Mundo – Padre Maria De Agostini alla scoperta della terra del Fuoco”.
presso lo spazio Stendhal - Ingresso libero con prenotazione (vedi link sotto)

Orari mostra:
da martedì a domenica dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 15.00 alle ore 18.30.



Per informazioni:
Ufficio Cultura Comune di Desio:
tel. 0362392235/40/37
cultura@comune.desio.mb.it
Mostra De Agostini-Imago Italiae
Il film "Fin del Mundo – Padre Maria De Agostini alla scoperta della terra del Fuoco” è a ingresso libero con prenotazione sul sito:
http://www.villeaperte.info/eventi

TOP ▲




Living through paint(ing) - Part II
2 febbraio - 31 marzo 2024

LIVING THROUGH PAINT(ING) - Part II
Installazione presso il Museo d’Arte Orientale Edoardo Chiossone

Living through paint(ing) - Part II, è una mostra temporanea di nuovi dipinti e lavori su carta di Richard Gorman che verrà esposta al Museo d'Arte Contemporanea di Villa Croce.
Parallelamente, un'installazione di un’opera in carta giapponese realizzata a mano sarà collocata nel salone del Museo d’Arte Orientale Edoardo Chiossone aprendo un dialogo con la collezione giapponese del Museo.
La mostra, realizzata in collaborazione con la Hugh Lane Gallery di Dublino, intende approfondire l'interazione tra colore e forma nei suoi lavori. Con questo nuovo corpo di opere Richard Gorman trasforma i suoi dipinti in un'arte spaziale, fatta di contorni, frammentazioni e sovrapposizioni, creando l'illusione di uno spazio che prende costantemente forma e si anima attraverso il colore.
Le mostre sono gentilmente supportate dal Culture Ireland, Ambasciata Irlandese in Italia e dalla Kerlin Gallery di Dublino.
Museo d'Arte Orientale E. Chiossone: Installazione
Villetta Di Negro -Piazzale Mazzini 4
Comune di Genova

Orari di apertura: da martedì a domenica 9.00 - 18.30
Giovedì 1° febbraio - Inaugurazione ore 16-18
La visita all’istallazione è inclusa nel biglietto di ingresso al Museo
(intero 5 Euro, ridotto 3 Euro, la domenica gratuito per i residenti nel Comune di Genova mostrando un documento che ne attesti la residenza).
Presentando il biglietto d'ingresso di uno dei musei sede della mostra si ha diritto al biglietto d'ingresso ridotto nell'altra sede.



Per informazioni:
Tel. 0105577943
sorsini@comune.genova.it
Museo d'Arte Orientale E. Chiossone
Per la mostra di opere di Richard Gorman al Museo d'Arte Contemporanea di Villa Croce:
Museo d'Arte Contemporanea di Villa Croce

TOP ▲




International Cup - II° Memorial Grosselle Sensei
26 - 28 gennaio 2024

KARATE SHOTOKAN
International Cup - II° Memorial Grosselle Sensei

La manifestazione, organizzata dalla Federazione Shotokan Karatedo International – Italy, si svolgerà nell’arco di tre giorni e prevede:
- Training di karate diretto da Soshi M. Miura (26 gennaio);
- II° Memorial Grosselle Sensei: competizione agonistica riservata alle cinture nere (27 gennaio);
- International Cup 2024: gara internazionale riservata agli atleti di ogni grado (28 gennaio).
Con l’occasione della commemorazione di un grande maestro, come il M° Giampiero Grosselle, obiettivo principale è quello di promuovere la pratica del karate attraverso sia momenti di studio e formazione, sia momenti di sano confronto sportivo/agonistico tra gli atleti.
Palazzetto dello Sport - PalaBim
Via Quinto Ennio, 1
Comune di Bellaria- Igea Marina (RN)



Per informazioni:
Contatto Gestione Eventi: Michela Faccioli
cell.3479771988
michela.ski_i@yahoo.it
Evento Shotokan-International Cup

TOP ▲




Da Goldrake a Sailor Moon. Anime e Astronomia
12 gennaio 2024

Da Goldrake a Sailor Moon
Anime e Astronomia

Sono trascorsi più di 40 anni da quel martedì 4 aprile 1978. Alle ore 18:45 per la prima volta andò in onda su Rai Due Atlas Ufo Robot, meglio conosciuto come Goldrake.
Si trattava della prima serie robotica giapponese a cartoni animati ad apparire sugli schermi televisivi italiani e il suo successo fu strepitoso: l’Italia scoprì così il mondo eroico del Sol Levante. Seguirono poi altri cartoni di culto: dal 1979 al 1983 fecero infatti la loro apparizione ben 150 serie, tra cui Mazinga Z, Jeeg, Gundam, Capitan Harlock, Star Blazers, Kenshiro, Conan. Altri, quali i Cavalieri dello Zodiaco, Sailor Moon, Dragon Ball furono poi trasmessi nel decennio 1990-2000.
E il Planetario propone un evento originale ed unico per avvicinarsi alla cultura giapponese, analizzando scienza e fantascienza degli anime più famosi di quel periodo ispirati alle stelle, ricordando quelle avventure, quei combattimenti eroici, quegli incredibili viaggi nello spazio che hanno fatto sognare i bambini italiani, ora adulti, che però, ancora, portano nel cuore i loro eroi dell’infanzia.
La conferenza è a cura di Monica Aimone e Chiara Pasqualini.
Civico Planetario di Milano “U. Hoepli”
Corso Venezia, 57
Milano

Orario conferenza: 21.00

E’ previsto un ingresso di Biglietto intero 5,00€
e ridotto 3,00€ (fino a 18 anni edopo i 65 anni).



Per informazioni:
Anime e Astronomia

TOP ▲




“Public and private spaces in Tokyo and Venice: The role of local communities and values
11 - 13 gennaio 2024

“Public and private spaces in Tokyo and Venice: The role of local communities and values"
Convegno Internazionale

Il Convegno internazionale “Public and private spaces in Tokyo and Venice: The role of local communities and values” nasce dalla collaborazione tra il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati di Ca' Foscari e il Research Center for Edo-Tokyo Studies (EToS) dell’Università Hosei.
Collaborazione, questa, che ha già prodotto due convegni su Tokyo e Venezia: il primo nel 2015 dal titolo “Fragile and Resilient Cities on Water: Perspectives from Venice and Tokyo” e il secondo nel 2020 su “Tokyo and Venice as cities on water. Past memories and to future perspectives”.
In entrambe le occasioni è emerso come, pur se assai distanti e apparentemente molto diverse, la comparazione tra Edo-Tokyo e Venezia riveli numerosi elementi comuni, a partire dalla loro storia come città d’acqua.
Il Convegno del 2024 riunisce studiosi ed esperti di varie discipline che si confronteranno su vari aspetti e caratteristiche degli spazi pubblici e privati in queste due città: dalla loro creazione, utilizzo e adattamento all’ambiente urbano alla loro funzione come luoghi di attività comuni, di aggregazione e organizzazione sociale, di condivisione culturale, di riconoscimento valoriale e di dinamiche identitarie.
Università Ca' Foscari
Baratto Hall
Dorsoduro 3246
Venezia

Orari evento:
11 gennaio ore 14:00 - 18:30
12 gennaio ore 9:00 - 18:20
13 gennaio ore 9:30 - 13:00

L'evento è a ingresso libero
Lingue del convegno: inglese


Per informazioni:
Convegno Internazionale “Public and private spaces in Tokyo and Venice
Convegno Internazionale “Public and private spaces in Tokyo and Venice
Convegno Internazionale “Public and private spaces in Tokyo and Venice

TOP ▲




 
La forma del vento (1)
La forma del vento (2)
La forma del vento (3)
Prorogata fino al 25 febbraio 2024 (A Castello D'Albertis)

LA FORMA DEL VENTO
Il volo a vela e l'arte degli aquiloni giapponesi

Dal linguaggio dei simboli alla dimensione rituale, dalla tradizione contadina al mondo dell’arte e degli artisti, dalle forme della cultura tradizionale alle evoluzioni tecniche ed estetiche, un affascinante viaggio alla scoperta della storia millenaria della tradizione del volo a vela e dell’arte giapponese degli aquiloni.
Aquiloni per i riti della semina e per la pesca d’altura, aquiloni di terra e di mare, usati in battaglia e nelle occasioni cerimoniali delle comunità di villaggio, costruiti e dipinti per vivificare l’aria e gli spazi urbani, per accompagnare il canto e la danza, per l’apprezzamento estetico e per il gioco di adulti e bambini, decorati con simboli ed immagini che vengono dalla cultura delle arti tradizionali, dall’arte della calligrafia al teatro, dalla pittura all’arte delle stampe policrome.
Storia e civiltà, arte e cultura, forme ed estetica, simboli ed iconografia, tecniche costruttive e stili decorativi, tipologie e funzioni presentati in un affascinante itinerario espositivo tra opere, immagini ed installazioni, accompagnate da materiali scientifici ed iconografici realizzati per l’occasione.
Con una sezione speciale dedicata alle stampe Ukiyo-e della tradizione classica giapponese. Progetto e realizzazione della mostra. CELSO Istituto di Studi Orientali - Dipartimento Studi Asiatici. In collaborazione con Festival del Vento 2023 30 Kite Club.


Genova

Sezione 1
Castello D'Albertis Museo delle Culture del mondo
Corso Dogali 18

Sezione 2
Museo d'Arte Orientale Edoardo Chiossone
Piazzale Giuseppe Mazzini 4


Inaugurazioni:

Venerdi 29 Settembre 2023 ore 17,30
Castello D'Albertis Museo delle Culture del mondo

Sabato 30 Settembre 2023 ore 17,30
Museo d'Arte Orientale Edoardo Chiossone



Per informazioni:
Celso - Tel. +39 010586556
info@celso.org
celso.org/la_forma_del_vento.html
castellodalbertis@comune.genova.it
museochiossone@comune.genova.it

TOP ▲




WASHI-NINGYŌ 1

WASHI-NINGYŌ 2
Prorogata fino al 28 gennaio 2024

WASHI-NINGYŌ
Le bambole di carta nella tradizione giapponese

Le bambole di carta giapponese di Akio Maruyama saranno in mostra per la prima volta in Italia, dopo essere state esposte in Giappone, Spagna, Polonia, Messico e Francia.
Capolavori artigianali realizzati con scopo decorativo fin dal periodo Edo (1603-1868) e ritratto del seducente passato di un paese che non smette mai di attrarre e incuriosire, le washi-ningyō portano in scena momenti di quotidianità affiancati ad attività tradizionali.
Sinuose bambole (人形 ningyō), ispirate a personaggi storici o del teatro giapponese, impreziosite da kimono che sembrano fluttuare, prendono vita attraverso le morbide pieghe della carta giapponese (和紙 washi) che le compone interamente.

L’esposizione, curata da Juliet in Zena e realizzata in collaborazione con Associazione Yamato, propone un percorso di oltre 40 opere (2D e 3D) create dalle sapienti mani del maestro Akio Maruyama e della madre Noriko Maruyama e si inserisce nel più ampio WASHI-NINGYŌ PROJECT, nato con lo scopo di tutelare, far conoscere e insegnare le bambole di carta giapponese per preservare la bellezza di quest’arte oggi a rischio e permetterle di continuare a vivere.

L' evento è patrocinato, oltre che dal Consolato, dalla Fondazione Italia-Giappone e dal Centro di Cultura Giapponese di Milano.
Museo Etnografico "C'era una Volta"
Piazza della Gambarina, 1
Alessandria

Orari evento:
Dal lunedì al sabato:
ore 9:00 - 12.00 | 15: 30 - 19.00
Domenica:15:30 - 19:00
L'evento è a ingresso libero



Per informazioni:
julietinzena.it/washi-ningyou/
museodellagambarina.com/en/home-2/
julietinzena.it/collezione/

TOP ▲